EP2-Washington-DC

Sonic Highways EP2 – Washington DC

Descrizione

Il secondo episodio di Sonic Highways è incentrato su Washington DC, una città la cui eredità musicale spesso non viene interpretata in relazione al decennio di cui fa parte. Dave Grohl, orgoglioso figlio della vicina Springfield (in Virginia), fa luce sulla scena go-go e hardcore punk che si concentrò intorno agli anni ’80 tra il gruppo attivista Positive Force, lo studio di registrazione Inner Ear e la pioneristica etichetta punk indipendente di Ian MacKaye, la Dischord Records. Lo stesso Dave, infatti, è stato parte attiva della scena degli anni ’80, e s’immerge direttamente nelle dicotomie di Washington, esplorando le distinzioni tra città e periferia, nero e bianco, funk e punk.

Il processo di scrittura e registrazione delle canzoni dei Foo Fighters è quasi un’ulteriore riflessione che incede volutamente tramite un’appassionata mini-storia tra i club go-go, i Bad Brains, i Minor Threat, l’Inner Ear Studio e la crescente politicizzazione dei vari movimenti musicali underground succedutisi a Washington durante gli anni di Reagan e Bush. Ancora una volta, Grohl approccia tutto questo dal suo personale e affezionato punto di vista come qualcuno che si ricorda di quando il centro città era il posto in cui si andava a fare le gite – e, ancora una volta, Sonic Highways presenta un elettrizzante archivio di filmati, in questo caso di H.R. dei Bad Brains e Ian MacKaye dei Minor Threat, mentre urlano e si contorcono sul palco. La puntata include anche molti estratti dell’affabile MacKaye, che passò dall’essere un fan di Ted Nugent al diventare l’eroe punk rock di Dave Grohl. Dave aggiunge che se c’è una cosa che ha imparato girando quest’episodio è che il ritmo della go-go music era qualcosa che Chuck Brown suonava tra una canzone e l’altra in modo che il pubblico non se ne andasse. Questo perché capì che quando la musica si fermava, rischiava di perdere ascoltatori. Quindi tra le varie canzoni, vi inseriva quel ritmo. E così divenne famoso come il “ritmo go-go”.

Il progetto dunque non manca di fare omaggio allo studio Inner Ear, dove Dave aveva già registrato con gli Scream quando questo era ancora situato nel seminterrato di Don Zientara (proprietario della Inner Ear e più conosciuto per la produzione di dischi dei Fugazi, dei Minor Threat e di altri artisti della Dischord Records). C’è anche un momento un cui Taylor Hawkins afferma che dal momento in cui Dave viene da Washington DC, gli stessi Foo Fighters si possono considerare una band del posto. Ma a questo, Dave ha replicato, durante un’intervista, che non dirà mai di essere di alcun posto. “E’ vero che quando dico di essere della Virginia, la gente mi domanda “Virginia?” e io devo rispondere “Beh, Washington DC”. Senza dubbio è una grossa fetta di ciò che sono e non sarei la stessa persona se non fosse per quella città e quelle persone. Sono orgoglioso di dirlo. Orgoglioso di essere un musicista proveniente dalla ‘Washington DC area’. Musicalmente, è molto più ricca e più vitale di quanto la gente possa immaginare.”

THE FEAST AND THE FAMINE – VIDEO UFFICIALE

IMAGE GALLERY – EPISODIO 2 & LIVE AT BLACK CAT DC DEL 24 OTTOBRE 2014


0

Your Cart